Review of the Week #263 Il violino del primo papavero - Rita Salvadori

Buon pomeriggio e buon sabato! Come state?
Ieri sono tornata a casa dal mio viaggio in Toscana! Che dire? Sono stata davvero bene e mi capita sempre che mi succeda così quando vado a trovare i miei zii... Ci sto benissimo e ogni volta partire è sempre un dispiacere! Sono successe cose belle e l'anno sta già mostrando ciò che accadrà, ovvero rinascerò, perchè devo crescere e migliorarmi! Voi cosa dite? Ora vi lascio al post :3


Review of the week è una rubrica a cadenza settimanale, postata solitamente il sabato, nella quale si recensisce un determinato libro letto in precedenza, con annessa votazione.

Questa settimana: Il violino del primo papavero di Rita Salvadori





Titolo Il Violino del Primo Papavero
Autore Rita Salvadori
Prezzo 3.99€ ebook, 21,80€ cartaceo
Dati 11 dicembre 2018; 180 pp.; Cartaceo ed Ebook
Disponibile su Amazon https://amzn.to/2rt7mAb
Un romanzo o una fiaba? Nessuno dei due, o meglio, entrambi: un Romanzofiaba, intessuto di fantasia reale e di realismo fiabesco. 
La scrittrice, infatti, possiede la capacità di catapultare il lettore in una dimensione fra cielo e terra, una nuvola popolata da personaggi e da oggetti parlanti dall'animo raffinato e profondo.
Carmen e Richard, due giovani ed ingenui innamorati, partono con una carrozza ricevuta in eredità dai nonni, inseguendo il loro sogno di libertà e di musica. La  musica, infatti, è la vera protagonista, nonché regista, di questa appassionante storia, tutta incentrata su un violino prodigioso dal suono ammaliante, costruito dal saggio Antoine, maestro liutaio di rara bravura.
La Carovana della Musica è pronta ad accogliere i lettori dall'animo sensibile e delicato, ma fate attenzione!
Il suono del violino del Primo Papavero potrebbe incantare anche voi!


La mia recensione:
Richard e Carmen sono due ragazzi innamorati che hanno in comune la passione per la musica, tanto che decidono di partire con una carrozza per inseguire il loro sogno. A fare da protagonista c'è anche un violino, quello costruito da Antoine, e la musica.
Ho conosciuto questo libro grazie alla segnalazione che doveva fare, altrimenti dubito l'avrei fatto, sinceramente. Leggendo la trama ero un po' indecisa: da un lato il fatto della fiaba mi incuriosiva, dall'altro mi "impauriva" e, purtroppo questo secondo lato è stato quello che ha avuto ragione.
La storia è suddivisa in piccoli capitoli, se così si possono chiamare, che vedono il punto di vista di tanti protagonisti diversi, da Richard e Carmen, alla musica, al violino. E queste vicende ci vengono raccontate con uno stile molto evocativo, particolare, che ha poco a che fare con la realtà.
Non so se questo sia il motivo, ma non sono riuscita a farmi prendere dalla trama, non l'ho trovata molto interessante, probabilmente perchè le descrizioni così tanto particolareggiate non fanno per me.
La cosa che ho apprezzato maggiormente è stato il finale, scritto molto bene, secondo me. Ed è stato bello leggerlo per far sorridere e sognare il mio cuore.
Ecco, non ho tanto da dire perchè non ho capito molto bene il tutto, il senso di questa storia. Sicuramente l'idea è molto originale, ma non rientra nei miei gusti. Probabilmente non ero la persona più adatta per questa storia!
Comunque, se vi piacciono le storie particolari, scritte in modo non convenzionale, che hanno a che fare con le fiabe, è sicuramente il libro adatto a voi!


La mia votazione: 
 Così così!




Ok! Per questa recensione è tutto! Mi spiace che sia venuta così corta, ma come già spiegato, non sono riuscita ad entrare nella storia ahimè e quindi a capire bene le dinamiche, i personaggi e quant'altro! Essendo quasi una favola, infatti, i personaggi e le vicende non sono spiegate troppo bene e quindi mi viene difficile affezionarmi al tutto e, quindi, a lasciarmi andare! Comunque questo è quanto! Spero solo che sia riuscita a farvi capire un po' i miei pensieri! Detto questo vi saluto e vi invito a passare domani, sempre se vi va :3
Buona serata!
Ika.

Commenti