#3 Christmas in WONDERLAND! 5.0 MY CHRISTMAS: Storia d'inverno, le 5 leggende, funko pop, treccia russa pizzata, plumcake con sorpresa e non solo!

Buon pomeriggio e buon venerdì! Come va?
Oggi è venerdì, quindi il week end è in arrivo e l'ansia per una nuova cosa che dovrò fare si sta cominciando a fare sentire sul serio >.< In realtà, è da novembre che cerco sempre di fare cose nuove, di togliermi la pigrizia che mi assale e tutto il resto, ma è molto difficile uscire dalla mia comfort zone, che è davvero piccola perchè, fosse per me, farei davvero pochissime cose >.< Ma so che si vive solo fuori da essa, quindi devo sforzarmi! Ora smetto di chiacchierare e vi lascio al post :3




Benvenuti nella prima puntata della rubrica nella rubrica, ovvero quei post in cui vi parlerò del mio Natale, dandovi miei spunti e mie idee oltre ad esserci idee un più "nerd" e vicine ai miei gusti!

Per cui, cominciamo dai film :D Prima tre miei consigli e poi quelli di youtubers che seguo! :D


Una Tata per Natale. Ally Leeds è una giovane donna di carriera intelligente che si ritrova con l'esigenza di trovare un nuovo lavoro, dopo essersi licenziata da un'agenzia pubblicitaria, a causa di una sua presentazione non gestita bene. Tina, la migliore amica di Ally, le trova un lavoro come tata presso Samantha Ryland. Quest'ultima è una occupatissima dirigente d'azienda di Beverly Hills ed anche una mamma che non ha tempo per stare con i suoi figli: Jonas e Jackie. Jonas e Jackie, abituati ad una rigida disciplina, conosceranno libertà e creatività con la nuova tata. Un giorno, Ally porta in visita i figli di Samantha presso il suo ufficio e qui conosce Justin Larose un uomo d'affari e collega di Samantha. In seguito, all'insaputa della sua datrice (complici i suoi figli), Ally incomincerà a frequentare Justin; ma non avrà il coraggio di farsi avanti con lui. Per sua fortuna, nella sua vita entra anche Danny Donner, uno scorbutico imprenditore titolare di una fabbrica di cioccolato, che ha fatto ricorso a Samantha per un'imponente campagna pubblicitaria e che è in grado di donare ad Ally la fiducia necessaria per conquistare il cuore di Justin.


È la vigilia di Natale nella Londra del 1843 e l'anziano Ebenezer Scrooge, un finanziere avaro, egoista e scorbutico, respinge sgarbatamente l'invito a cena da parte dell'allegro nipote Fred.

Giunta l'ora di chiusura del negozio, dopo aver cacciato in malo modo due uomini che gli chiedevano un contributo per i bisognosi, Scrooge si reca solitario alla sua dimora. Mentre sta mangiando, prima di andare a letto, riceve la visita dello spirito di Jacob Marley, suo vecchissimo socio del negozio, morto esattamente sette anni prima proprio la notte della vigilia di Natale. Lo spirito di Marley appare a Scrooge contorniato da pesanti catene ai cui apici pendono dei forzieri: catene che, come dice Marley stesso, sono conseguenza dell'avidità e dell'egoismo perpetrati mentre era in vita; egli infatti derubava le vedove e truffava i poveri.

Scrooge, impaurito, chiede al vecchio socio come poter evitare che gli accada la stessa sorte, così Marley rivela a Scrooge di essere ancora in tempo per mutare il suo destino e, prima di congedarsi, gli annuncia la prossima visita di tre spiriti, quello del Natale passato, del Natale presente e del Natale futuro. I tre spettri, tra flashback e premonizioni riusciranno a mutarne l'indole meschina ed egoista, facendolo risvegliare la mattina di Natale con la consapevolezza che la ricerca del denaro e l'attaccamento alle sole cose materiali sono sbagliate, e così la carità e la fratellanza si faranno finalmente largo nel cuore buono del vecchio usuraio.


Babbo Natale, la Fatina dei denti, il Coniglio di Pasqua e Sandman proteggono i bambini di tutto il mondo, offrendo loro non solo i doni materiali ma anche la capacità di meravigliarsi, di fantasticare, di sperare, di sognare. Li ha scelti tanto tempo fa l'Uomo nella Luna, il saggio osservatore delle vicende terrestri. Accade, però, che ora l'Uomo Nero (Pitch, da "pitch black", buio pesto) sia deciso a scalzarli, seminando la paura nelle menti dei bambini e trasformando i loro sogni d'oro in incubi neri come la pece. Per tentare di fermarlo, l'Uomo nella Luna ha indicato alle quattro leggende l'aiuto di un quinto "guardiano": lo scanzonato e dispettoso Jack Frost. Tuttavia Jack non si crede all'altezza del compito: i bambini nemmeno lo vedono, non hanno mai creduto in lui. Per capire davvero chi può diventare, allora, Jack deve prima capire chi è stato e risalire ai suoi ricordi d'infanzia, quando era ancora un bambino normale.






E ora passiamo ai libri che non sono per niente minori d'importanza, che dite?

Peter Lake è un ladro. Un ladro nella Manhattan dei primi del Novecento in cui la guerra tra bande regala ogni mattina un mucchio di cadaveri a Five Points sul fronte del porto e in luoghi insoliti come campanili, collegi femminili e magazzini di spezie. Peter lavora in proprio, e perciò non interessa più di tanto alle forze dell'ordine sguinzagliate contro il grande crimine. Sta particolarmente a cuore, invece, ai Coda Corta, una dozzina di sgherri guidati dal feroce Pearly Soames. Pearly ha occhi lucidi e argentei simili a lame di rasoio e una cicatrice che gli solca il viso dall'angolo della bocca all'orecchio. È un criminale e, come tutti i criminali, vuole oro e argento, ma non per amore della ricchezza alla maniera di volgari rubagalline. Li vuole perché brillano e sono puri. Affascinato dai colori, legge i giornali e i cataloghi delle aste, e capeggia i Coda Corta giusto per trafugare opere d'arte "degne di lui", importate dall'Europa a bordo di lussuosi panfili. Il campo di manovra è troppo ristretto e la posta in gioco troppo alta perché Pearly Soames possa tollerare la presenza di Peter Lake a Manhattan. Avvezzi come sono all'omicidio e alla corruzione, i suoi Coda Corta l'avrebbero eliminato da un pezzo, se il ladro non avesse un prezioso alleato: un cavallo che sembra una statua eroica, un enorme monumento bronzeo, capace di balzi strabilianti, voli di sei metri di lunghezza e due e mezzo di altezza. Dal romanzo è stato tratto, nel 2014, il film omonimo diretto da Akiva Goldsman.


Hans Brinker è un ragazzo di quindici anni, povero, ma buono e onesto, che vive nei Paesi Bassi con la madre e la sorellina Gretel. Entrambi sognano di partecipare alla prestigiosa corsa sui pattini da ghiaccio che si tiene a dicembre sul canale (e il cui premio in palio sono un paio di pattini d'argento), ma hanno poche chance per via dei loro modesti pattini in legno.
Il padre di Hans e Gretel, Raff Brinker, in seguito alla caduta da una diga sul lavoro, ha battuto la testa e ha perso la memoria; vive come in trance, con frequenti accessi di violenza. Per questo la moglie e i figli devono lavorare per vivere e sono malvisti dalla comunità per la loro misera condizione. Un giorno Hans si imbatte nel famoso chirurgo Boekman e, pur consapevole che si tratta di un medico costoso, lo prega di visitare suo padre. Il dr. Boekman, diventato burbero in seguito alla morte della moglie e alla scomparsa del figlio, rimane colpito dal ragazzo, che gli ricorda suo figlio, e accetta di vedere il sig. Brinker. Diagnosticherà una commozione cerebrale, che potrà essere curata solo con una rischiosa e costosa operazione.
A questo scopo, Hans sacrifica il denaro risparmiato per comprarsi dei pattini di acciaio. Il medico, commosso, esegue l'operazione gratis. In tal modo, Hans può comprare per sé e per Gretel un paio di pattini adatti per partecipare alla gara. Gretel vincerà la corsa, mentre Hans rinuncerà per aiutare un amico con un pattino rotto. L'operazione riesce e il sig. Brinker torna il padre e marito affettuoso che era prima dell'incidente. Le sorti della famiglia migliorano anche economicamente, grazie al miracoloso ritrovamento dei risparmi dell'uomo, che si credevano perduti o rubati. Il dr. Boekman ritroverà anche suo figlio con l'aiuto dei Brinker.
I genitori di Hans e Gretel vivranno ancora felicemente a lungo. Il dr. Boekman aiuta Hans ad entrare in una scuola di medicina, e il ragazzo diventa un grande medico.













Per concludere l'entrata in atmosfera, vediamo di sentire qualche bella canzone! :D





Ora vediamo i regali che vorrei ricevere o che comunque sono più consoni a persone un po' nerd come me!









 

Infine, qualche mia ricetta che spero possa tornarvi utile! :D Cominciamo da un dolcetto da colazione...

PLUMCAKE CON SORPRESA
Ingredienti:
Preparato per torta
cacao q.b.
Lemon Soda o altra bibita gassata
Pandoro q.b.
Procedimento:
Avevo un preparato "bianco" per torta e non sapevo come usarlo! Tutte le ricette erano piene di burro, uova e quant'altro ed essendo il periodo già ricco di mangiate non mi sembrava il caso di aggiungerne ulteriori! Per cui, ho visto in un video
di Giulia Jolie, che poteva essere utilizzato in maniera semplicissima, utilizzando qualcosa di gassato! Avevo in casa una Lemon Soda da utilizzare e ho deciso di provare con l'esperimento!
Quindi, mettete il vostro preparato in una ciotola, aggiungeteci il cacao e amalgamate. Dopo di chè, aggiungete un bicchiere circa di lemon soda e mescolate con una frusta. Ovviamente mettetene un po' per volta anche per capire se ve ne serve di meno o di più.

Dipende dal cacao che avete inserito e dal composto stesso! Una volta raggiunta la consistenza desiderata, mettete una piccola parte di composto nel vostro stampo da plumcake. 
Quindi aggiungete il vostro pandoro tagliato a forma di stelline, una vicina all'altra, lasciando un po' di bordo. 

Infine, coprite col resto dell'impasto. 

Non vi resta che infornare in forno caldo a 180 per circa 30 minuti, ma ricordatevi di fare la prova stecchino! 

Se vi piace, spolverizzate con un po' di zucchero a velo!

Et voilà, se avrete fatto tutto bene, al taglio verranno fuori tante stelline!




E ora qualcosa di salato....

TRECCIA RUSSA PIZZATA

Ingredienti:
Pasta per pizza q.b.
Farcitura:
scamorza a pezzi
prosciutto cotto
mozzarella
pelati
formaggio grattuggiato
Procedimento:
Preparate il vostro impasto come più preferite. Dopo il tempo di riposo, stendetelo formando un rettangolo non troppo sottile. Farcitelo con polpa, parmigiano grattuggiato, scamorza e prosciutto cotto lasciando un po' di bordo.

 Arrotolate stretto e tagliate a metà il vostro cilindro nel senso della lunghezza.

Ora, cercando di mantenere i tagli verso l'altro, intrecciate i due filoncini, formate una ciambella e mettete la vostra treccia nello stampo. 

Cuocete a 200° per circa 20 minuti. Quindi, tirate fuori, decorate con pezzetti di mozzarella e mettete nuovamente in forno per 5 minuti, in modo da farla sciogliere.

Vi posso assicurare che, se l'aspetto non è il massimo, lo è il sapore!
 


E, infine, un dolce da fine pasto, una cosa molto particolare!

PESTINOS
Ingredienti:
250 g di farina
50 ml di olio d'oliva
75 ml vino bianco
75 ml di liquore all'anice
sale q.b.
1 cucchiaino semi di anice
Rifinitura:
3 cucchiai di miele
3 cucchiai di acqua
Procedimento:
Mescolate per prima cosa i semi di anice nell'olio d'oliva per almeno un'ora.  Trascorso questo tempo, mescolate gli altri ingredienti, cominciando dai secchi per poi arrivare ai liquidi. Ora impastate il tutto formando un panetto morbido.

 Stendete la pasta aiutandovi con un po' di farina.
Formate dei quadrati e prendete le due estremità opposte portandole verso il centro. 

Quindi infornate in forno caldo a 180 per circa 15/30 minuti. Sfornate quando saranno appena dorati, mescolate il miele all'acqua e spennellateli. 

Quindi, se volete, spolverizzate qualche zuccherino colorato. Il vostro dolce è pronto per essere servito! E' particolare ma davvero buono! :3





Ok! Per oggi è tutto e posso ritenermi abbastanza soddisfatta del risultato! Mi piace tanto questa rubrica perchè posso condividere tutte le mie cose del Natale, le mie creazioni e tutto ciò che le riguarda! In questo caso, purtroppo ho messo solo ricette e i libri e film che mi ricordano tanto questa magica atmosfera!  Voi siete incuriositi da qualcosa che vi ho consigliato? Proverete a fare qualcuno di questi manicaretti oppure non vi piace la cosa? Se volete, lasciatemi pure un commento :3 Altrimenti, al solito, ci sentiamo domani! :D
Buona serata!
Ika.

Commenti