sabato 12 agosto 2017

Review of the Week #197 Come inciampare nel principe azzurro - Anna Premoli

Buon pomeriggio e buon sabato!
Anche se sono qui per aiutare mia cugina con lo studio, essendo sabato, le concedo sicuramente il pomeriggio libero ù.ù Sono pur sempre vacanze, no? Credo che sia giusto fare così! E spero tanto di essere in grado di aiutarla perchè la cosa non è per niente scontata >.< Poi vi farò sicuramente piacere, ma sperate per me che abbia da dirvi solo cose positive ù.ù Non so se vi sto dicendo sempre le stesse cose, ma nel caso, vi chiedo scusa! Ora vi lascio alla recensione :3


Review of the Week è una rubrica a cadenza settimanale, postata solitamente il sabato, nella quale si recensisce un determinato libro letto in precedenza, con annessa votazione.

Questa settimana: Come inciampare nel principe azzurro di Anna Premoli





Titolo Come inciampare nel principe azzurro
Autore Anna Premoli
Prezzo € 5,90
Dati 2014; 318 p., Rilegato
Editore Newton Compton
ISBN 9788854167483
Quale ragazza non sogna di sfondare nel proprio lavoro sfruttando la possibilità di trascorrere un anno all'estero? È proprio questa la grande opportunità che un giorno si presenta a Maddison: ma l'inaspettata promozione arriva sotto forma di un trasferimento dall'altra parte del mondo, in Corea del Sud! Maddison, però, è solo all'apparenza una donna in carriera. In realtà è molto meno motivata delle sue colleghe e per nulla attratta dall'idea di stravolgere la sua vita. Come è possibile che abbiano pensato proprio a lei, che del defilarsi ha fatto da sempre un'arte, che ha il terrore delle novità e di mettersi alla prova? Una volta arrivata in Corea, il suo capo, occhi a mandorla e passaporto americano, non le rende neanche facile adattarsi al nuovo ambiente. Catapultata in un mondo inizialmente ostile, di cui non conosce nulla, di cui detesta le abitudini alimentari e non solo, Maddison si vedrà costretta a tirar fuori le unghie e a crescere una volta per tutte. E non è detto che sulla sua strada non si trovi a inciampare in qualcosa di bello e del tutto imprevisto!


La mia recensione:
Maddison ha fatto richiesta per trasferirsi nella dalla sua Londra a New York, solo New York. Ma la vita ha una sorpresa in serbo per lei, o meglio, il suo direttore. Invece che gli Stati Unite, Maddy dovrà trasferirsi per un anno in Corea del Sud! E a peggiorare le cose, dovrà partire ed avere a che fare con un capo apparentemente tutt'altro che elastico.
Ho sempre voluto leggere qualcosa dell'autrice perchè ne ho sempre sentito parlare più o meno bene e ora capisco perchè.
La storia comincia con una giornata normale per Maddison, anche se non del tutto, perchè scoprirà la destinazione, per niente ambita, del suo trasferimento e a raccontarci ciò è proprio la protagonista che lo fa con un linguaggio semplice, ironico, tagliente; un modo di pensare e di esprimersi personale e realistico. Inutile dire che ho apprezzato tutto ciò. 
Maddison ,proprio come il suo linguaggio, è sarcastica, ha sempre la battuta pronta, ama il buon cibo e forse è un po' meno sicura di come si sente. Inoltre, ha le sue convinzioni che, però, col passare del tempo, sarà costretta a modificare o ribaltare. Una volta in Corea, infatti, potrà contare solo su se stessa per vivere in un mondo totalmente diverso dal suo, dovrà tirare fuori tutta la sua forza di volontà e le unghie. Ciò la cambierà, la farà crescere, le farà aprire la mente. 
Un altro fattore che ho apprezzato è lo studio che, secondo me, c'è stato dietro questo libro. Ci sono, in effetti, descrizioni di vita e di ambienti, di cibi, di modi di fare che, senza un approfondimento, sarebbe stato difficile conoscere. Mi è piaciuto tutto ciò perchè permette, oltre a Maddy, di conoscere qualche cosa su una cultura diversa e la cosa non può che essere positiva. Inoltre, il rapporto che ha con Mark, il suo capo in Corea, è del tutto non convenzionale e chissà, forse piano piano riuscirà a trovare un punto di incontro tra i due.
In generale, ho trovato la storia ben scritta, piacevole, grazie alle sue particolarità, divertente, a volte anche tenera e penso proprio che meriti di essere letta!
Perciò ve lo consiglio!
Voglio assolutamente leggere altro dell'autrice!



La mia votazione: 
 Bello!




Benissimo! Anche per questa recensione è tutto! Ho letto questo libro ormai qualche mese fa eppure ne conservo un ricordo molto molto piacevole! Sono contenta di averlo letto perchè volevo leggere, come già detto, da tempo qualcosa di suo, e la cosa è stata piacevole, per cui cosa c'è di meglio? Anche voi la pensate come me? Siete d'accordo con le mie parole? Se non avete letto, vi ho invogliato a leggerlo? Se vi va, fatemi sapere con un commentino con i vostri pareri, ma, se non vi andasse, potete sempre tornare nel prossimo post! Vi saluto, per ora! Buona serata!
Ika.

2 commenti:

  1. Anche io appena ho letto il mio primo libro della Premoli ("L'amore non è mai una cosa semplice" - bellissimo!) ho pensato la stessa cosa: voglio leggere altro di suo. Ha uno stile leggero e divertente, l'adoro.

    PS: Ultimamente ho rifatto da zero il mio blog Dolci&Parole, trasferendolo su Altervista. Essendo che nel trasferimento ho perso tutti i lettori fissi, ci tenevo a riaggiungerti ad essi. Spero di aver fatto bene!
    Dovrebbe arrivarti una mail di benvenuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, spero proprio di riuscire a leggere qualcosa di suo :) Hai fatto benissimo e l'email è già arrivata! :D

      Elimina

Se ti va lasciami un commentino, a me fa sempre piacere sapere cosa pensi! ♥