sabato 28 gennaio 2017

Review of the Week #169 La lettera scarlatta - Nathaniel Hawthorne

Buon pomeriggio e buon sabato! Come state?
Spero che le cose vi vadano bene! :D Anyway cosa state facendo? Io non so bene! Starò vedendo Amici (anzi no, sarà finito a quest'ora!) oppure sarò in centro perchè c'è il Capodanno cinese e quindi mi sarebbe piaciuto andare! Voi siete mai andati? Cosa c'è di bello e di particolare? Non so se ci sarò andata o meno xD E per questo pianificando il post in anticipo! Ovviamente, se sarò andata vi farò sapere! :3 Ora vi lascio al post ^^


Review of the Week è una rubrica a cadenza settimanale, postata solitamente il sabato, nella quale si recensisce un determinato libro letto in precedenza, con annessa votazione.

Questa settimana: La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne





Titolo La lettera scarlatta
Autore Nathaniel Hawthorne
Prezzo € 8,00
Dati 2014; 291 p. , Brossura
Editore Feltrinelli
ISBN 9788807901560
Pubblicato nel 1850, "La lettera scarlatta" è uno dei più importanti romanzi nordamericani dell'Ottocento. Nelle intenzioni dell'autore esso doveva rappresentare al meglio lo spirito puritano dell'epoca coloniale americana. Nella società puritana la libertà dell'individuo coincideva con il bene della comunità, che doveva essere purificata da ogni elemento estraneo, considerato al soldo di Satana. Per questa ragione le autorità imponevano stili di vita improntati a un inflessibile rigore morale. E chi infrangeva gravemente le regole poteva incorrere persino nella pena di morte. Nel libro una giovane sposa, amante del pastore Arthur Dimmesdale, manifesta fisicamente i segni della sua relazione extraconiugale con il predicatore. Nulla riesce a farla confessare, nemmeno le minacce, e per questo viene schivata da tutti, e infine condannata a portare sul petto una fiammante lettera A, che la additi allo sguardo pubblico come un'adultera. Intorno a questa vicenda si dipana il progressivo insinuarsi nei personaggi di un tormentato lavorio psichico, che li spingerà, in taluni casi, sull'orlo della pazzia. Il libro è stato fonte di ispirazione per numerose trasposizioni cinematografiche.


La mia recensione:
Hester ha commesso un peccato e perciò le è stato imposto di indossare per il resto della vita sul petto una grande A di colore rosso scarlatto. Ci troviamo nell''800 e non è semplice fuggire dai pregiudizi. Infatti, tutti la guardano male, la scansano, cercano di evitare anche sua figlia, nata dal peccato, Pearl.
Era da tempo che volevo leggere questo libro, ma come mi accade spesso, avevo paura si sarebbe trattato di un libro troppo lento e all'inizio, forse, è così.
Non riuscivo a capire bene le motivazioni di questa punizione, non riusciva a prendermi ma, piano piano, è andata meglio.
Essendo un libro abbastanza datato, il linguaggio non è semplice ma, anzi un po' complicato e poco scorrevole. 
La lettura, però, devo ammettere, che non è andata a rilento forse anche per merito della storia. 
In realtà, sulla trama non c'è molto da dire oltre a ciò che ho già scritto.
Il libro è un susseguirsi, maggiormente ma non solo, di pensieri di Hester e su Hester, dei pregiudizi delle persone che la conoscono e non, della forza che Hester dimostra giorno dopo giorno, del risentimento, del racconto di varie coscienze, della scoperta che non tutto è oro quello che luccica. 
Forse la cosa che ho apprezzato di più è stato proprio il personaggio di Hester, così indipendente, così forte e risoluto a vivere la sua vista senza troppo pensare agli altri.
Purtroppo non ho tanto altro da aggiungere, solo che probabilmente, me lo sarei aspettato diverso, molto più intriso di fatti, più intenso, ma in definitiva non male e con un bel finale, per cui lo consiglio, come faccio sempre!


La mia votazione:            
 Carino!



Benissimo, il mio post finisce qui! Non so se avete letto questo libro ma sicuramente lo conoscerete perchè, almeno per me, è stato così! Dato che io non ho tutte queste conoscenze libresche, credo sia famoso! Sbaglio? L'altro ieri ho anche guardato il film che mi è piaciuto molto di più anche se mi è sembrato davvero diverso, forse più come mi sarei aspettata il libro stesso, in realtà! Oppure sono io che ho interpretato male il libro, chi lo sa xD Anyway voi avete letto questo libro? Siete incuriositi? Mi scuso per la recensione brevissima! Ora, se volete, aspetto i vostri commenti :3 Buona serata!
Ika.

2 commenti:

  1. Ciao Ika! Io ho fatto una recensione lunghissima di questo romanzo proprio qualche giorno fa perché l'ho amato tantissimo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Che bello rivederti qui! ^^ Eh sì, forse sono io che non sono entrata nel giusto mood perchè il film l'ho apprezzato tanto!

      Elimina

Se ti va lasciami un commentino, a me fa sempre piacere sapere cosa pensi! ♥